Gemelle imperfette: tradurre il dolore in poesia

Come rappresentare la crudeltà in un’ opera narrativa? La forza descrittiva delle immagini, il suono delle parole che si ricompongono in una scena, quanto devono essere accentuati per non eccedere nel gusto del voyerismo o al contrario turbare così tanto da non far reggere la lettura? Prima di cominciare a leggere il libro Gemelle imperfette dell’autrice Affinity Conar ,  che … Continua a leggere

Il linguaggio narrativo svela i mondi, l’esempio di Fernando Camon

Resto sempre affascinata dall’uso del linguaggio specifico nella descrizione di scene narrative, il linguaggio  nasconde dietro ad ogni parola un mondo da scoprire, che illumina sul  suo senso. Anche questa certo è una scelta di stile che può piacere o meno, ma quando viene eseguita con eleganza e adeguatamente contestualizzata è oggettivamente un ottimo sistema di scrittura. Anche in questo … Continua a leggere

Scrivere sul dolore. L’esempio di Fernando Camon

Rappresentare il dolore in un racconto narrativo è estremamente difficile, farlo percepire al lettore senza scadere nel dramma, nell’eccesso, lasciarlo intuire per renderlo partecipe di una situazione esistenziale che è universale e diviene condivisa attraverso le parole o i silenzi o quello che le parole tacciono… E’ questa la sensazione che si prova leggendo il romanzo, Un altare per la … Continua a leggere

La visione del romanzo di Milan Kundera

In questa intervista rilasciata al Paris Rewiew, Milan Kundera ci spiega la sua visone del romanzo. Qual è la vostra visione del romanzo? La forma romanzesca consente molta libertà. Uno scrittore non deve considerare il romanzo come una forma espressiva dalla struttura inviolabile, al contrario egli deve andare oltre alle strutture predefinite. Le sole regole che un autore può darsi … Continua a leggere

Le descrizioni del paesaggio e il carattere del personaggio. L’esempio di G. Deledda

  Le descrizioni paesaggistiche dei romanzi ottocenteschi e del primo Novecento hanno un fascino intramontabile, la capacità di legare gli sfondi , i paesaggi agli umori dei personaggi, alle loro passioni, alle loro azioni all’evoluzione della loro vita, una capacità evocativa intramontabile. Ancora oggi abituati come siamo all’immediatezza delle immagini di una fotografia, di un filmato facilmente accessibile, è bellissimo … Continua a leggere

Il romanzo poliziesco e i suoi investigatori

Il romanzo poliziesco è uno dei generi di maggior successo della letteratura di intrattenimento. In Italia è chiamato comunemente giallo, nome che viene dal nome di copertina di una collana di polizieschi pubblicata dall’editore Arnoldo Mondadori a partire dal 1929. Le caratteristiche basilari del poliziesco sono note: un delitto, un investigatore, gli indizi, le ipotesi e lo sviluppo delle indagini, … Continua a leggere

Riflessioni sullo spazio nel romanzo di Fioly Bocca, Ovunque tu sarai

Sin dalle prime pagine dei libri è possibile intuire lo scenario che si aprirà nella trama. A volte lo scrittore lascia cadere lungo la pagina scritta indizi, gli indizi sono concetti che si allargano in campi semantici che a volte si contrappongono. “Ci sono giorni perfetti per essere felici. Me ne sto seduta su questa panchina di Murazzi, mentre Torino … Continua a leggere

Un archivio di idee per scrivere un giallo

La realtà quotidiana offre a chi scrive una varietà di idee o come le abbiamo definite un’altra volta una serie di semi da cui germina la scrittura. Nel caso del giallo scrivere richiede una sistematicità più accurata rispetto ad altri generi. La buona riuscita del racconto dipende infatti da un’articolazione della trama complessa e lineare al tempo stesso, anche se … Continua a leggere

Le leggi dell’amore in letteratura

LE LEGGI DELL’AMORE  IN LETTERATURA Esistono libri capaci di evocare sentimenti, di legger e dentro l’anima e riportare alla luce fermenti di vita sconosciuti o incompresi o dimenticati o abbandonati a se stessi. Quando capita di incontrare uno di questi libri le loro parole ti accompagnano per sempre.  A me è capitato diverse volte ma in questo articolo voglio citare … Continua a leggere

Alcune note sullo stile narrativo di Stefano Benni

Personalizzare il proprio stile significa affinare l’espressione, rendendola più efficace sia costruendo frasi dal taglio e dal ritmo via via più adatti allo svolgersi della vicenda sia scegliendo parole capaci di trasmettere emozioni e non soltanto significati sia ridando forza e impatto a termini troppo usati e logorati dall’uso. Un esempio contemporaneo ce lo offre la scrittura di Stefano Benni … Continua a leggere