Ricamare un libro: la storia di Ismael che ha attraversato il mare

Sapete ricamare un libro? Questa immagine metaforica rende l’idea di quanto sia complesso mettere mano alla materia narrativa , unire le varie parti del testo in maniera tale da effettuare voli avanti e indietro nella vicenda, aumentare la tensione narrativa e parimenti riprendere emozioni, sensazioni, esperienze , ricollegandole in modi diversi, leggendo mi piace analizzare le soluzioni che individuano i … Continua a leggere

Un archivio di idee per scrivere un giallo

La realtà quotidiana offre a chi scrive una varietà di idee o come le abbiamo definite un’altra volta una serie di semi da cui germina la scrittura. Nel caso del giallo scrivere richiede una sistematicità più accurata rispetto ad altri generi. La buona riuscita del racconto dipende infatti da un’articolazione della trama complessa e lineare al tempo stesso, anche se … Continua a leggere

L’uso del passato prossimo nei testi narrativi

Perché un narratore sceglie di raccontare una storia usando il passato remoto anziché il passato prossimo? Qual è la differenza che si produce? Parto dalla definizione della linguista Maria Lo Duca per suggerire una prima risposta “per discutere di passato remoto e di passato prossimo, dovremo sostituire al concetto di ‘distanza temporale’, il concetto di ‘distanza psicologica’: faremo cioè l’ipotesi … Continua a leggere

Come scrivere un racconto autobiografico (seguito)

Nell’autobiografia si distinguono la fabula e i complementi narrativi, la prima si riferisce alla descrizione essenziale degli eventi della storia nel loro naturale ordine di avvenimento, alla caratterizzazione di base dei personaggi e dei loro ruoli, i secondi si riferiscono a tutte quelle tecniche che l’autore usa per presentare la storia e tutti gli artifici retorici da lui impiegati per … Continua a leggere

La scrittura autobiografica

A volte capita in età adulta di sentire il bisogno di parlare di sé in maniera più dettagliata, di raccontare la storia della propria vita. Questa è prima di tutto un’ esigenza personale che nasce dal desiderio di fare un po’ d’ordine dentro di sé e per cercare di capirsi meglio, capire il presente che si vive perché è il … Continua a leggere

il racconto di fantasmi parte 2

Ho scelto anche questa volta un racconto di Dino Buzzati: il fantasma del granaio per esaminare alcuni caratteri del racconto di fantasmi IL FANTASMA DEL GRANAIO Sono seduto sul pianerottolo della scala, di fianco a me, per terra, un candeliere di latta con una candela accesa. Di fronte, una porta a due battenti, appena appena socchiusa. È la porta del … Continua a leggere

Il racconto di fantasmi parte I

    Il racconto di fantasmi narra una vicenda che, per alcuni suoi apsetti, si colloca al di fuori della realtà, in una dimensione che assume caratteristiche irreali, misteriose, soprannaturali. In questo tipo di racconti più che le vicende vere e proprie sono importanti le suggestioni, le atmosfere ricche di suspense, tali da coinvolgere totalmente il lettore sul piano emotivo. … Continua a leggere

Il racconto secondo Buzzati

Il racconto, pur essendo più breve del romanzo, non è di più facile realizzazione. L’impegno per ottenere una forma perfetta, una misura narrativa ideale è notevole. Come tipo di narrazione il racconto è giunto fino a noi dall’antichità, in forma tradizionale e sempre nuova. Nel racconto si può delineare incisivamente una figura, un destino, un desiderio; o suscitare un mistero, … Continua a leggere

SEI CONSIGLI PER SCRIVERE UN RACCONTO

“Per racconto si intende, in prima istanza, un enunciato narrativo, un discorso orale o scritto che propone e sviluppa un avvenimento o una serie di avvenimenti” ( dal  Dizionario di Linguistica e di filologia, metrica, retorica diretto da Gian Luigi Beccaria, Einaudi 1996). Alla base di un racconto vi è un’idea che costituisce l’intero nucleo narrativo, che occorre sviluppare con … Continua a leggere