nota biografica della redazione

 

 

 

 

 

Pamela Serafino

nata a Lecce dove tutt’ora vive e lavora. Ha conseguito una laurea in lettere e una in filosofia. Docente di materie letterarie nella scuola media, è pubblicista dal 2001. Ha pubblicato il saggio letterario linguistico Emigranti salentini si raccontano, Argo 2006; il saggio letterario Il tempo regressivo nei giovani di Tozzi nel collettaneo Le identità giovanili raccontate nella letteratura del Novecento, Manni 2006, ha tradotto dal francese il romanzo di Panait Istrati, Mediterraneo al calar del sole, Argo e , insieme all’editore, ha tradotto dal francese il manuale di letteratura araba, H. Toelle, K. Zakharia, Alla scoperta della letteratura araba dal VI sec. ai nostri  giorni, Argo 2009.  Ha pubblicato una raccolta di racconti minimalisti  Balenii d’esistere, Edizioni l’uomo e il Mare 2004. Nel 2010 è stato pubblicato il suo romanzo L’ Amore fuggitivo, Edizioni Progetto Cultura. Nel 2012 pubblica il saggio L’ordine animale delle cose: il risarcimento del fantastico al tempo presente in Pensiero poetante e poetica della lontananza, ed. Milella. Appassionata di letteratura, ha curato l’introduzione di numerosi libri di narrativa, collabora attivamente con l’associazione culturale di Lecce Mimose, con cui ha organizzato diversi eventi culturali, dalla presentazione di libri a mostre pittoriche. Ha collaborato e collabora con numerose riviste letterarie (Symbolon rivista universitaria, Il Corsivo, Espresso Sud, ecc) riviste on line (Corriere Salentino,  ecc) dedicandosi soprattutto alla recensione di libri. Da alcuni anni tiene corsi di scrittura creativa presso le scuole di ogni ordine e grado e per conto di associazioni culturali. I suoi ultimi libri: Teatro a scuola: il mito, l’amore, la poesia, Milella 2015 è una raccolta di testi teatrali ad uso della scuola, La metafora poetica come allenamento al pensiero critico nella letteratura le competenze edizioni youcunprint 2015.

Augusto Benemeglio

Scrittore, drammaturgo,regista teatrale, critico letterario e d’arte , appassionato di musica , presentatore e giornalista, tennista NC , patito di sport (calcio, tennis, formula 1, MotoGP, Cicliismo, Atletica) e di cinematografia ( ultimo Eastwood , Bergman, fratelli Coen, primo Fellini , Charlot , Capra ,Ford, Newman, Freeman, etc.).
. Questo , oggi , l’ordine delle cose che occupano la mia esistenza.Ama , e fai ciò che vuoi.Praticamente non so fare niente, se non scrivere, ma da tale attività raramente ho ricavato qualche soldo ( solo per articoli di natura tecnica che detesto cordialmente ).
Un tempo ero marinaio,lo sono stato per trent’anni , e per fortuna non ne ho solo memorie più o meno salate , ma anche
versamenti di contributi che ora mi fruttano una discreta pensione, che mi consente di pensare solo alla cultura e all’arte ,quel “sovrappiù” su cui è fondata la nostra civiltà, come amava dire il buon Tagore ( che era un principe, beato lui).

google09f75b2d8df63a70

Share in top social networks!