Il sogno di scrivere di Roberto Cotroneo

 

Come si scrive un buon libro di narrativa? Quali sono le regole da seguire , gli errori da evitare? Sono le domande che si pone più di frequente chi inizia a scrivere?  Roberto Cotroneo nel suo libro Il sogno di scrivere prova a rispondere  ribaltando  le regole del gioco: punta alla sostanza.  La sostanza dello sguardo del narratore che oltrepassa le regole del gioco, le ricompone e offre una visione ‘autentica’ non semplicemente realistica.

“non si tratta solo di mettere in scena una storia che vogliamo raccontare perché l’abbiamo vissuta o perché l’abbiamo vissuta o perché l’abbiamo inventata noi. Si tratta di raccontare anche quello che sentiamo dentro quella storia. E per farlo non dobbiamo renderla vera, ma dobbiamo renderla autentica. Una storia vera è una storia che appare plausibile a chi legge. Una storia autentica è una storia che non si cura della plausibilità di quanto si racconta, ma si cura della forza di quanto si racconta. Una storia vera mette tutto sullo stesso piano, come facevano i pittori olandesi del Seicento prima di Rembrandt, una storia autentica crea disordine, lascia cose incompiute, mette in campo molti personaggi, alcuni soltanto accennati, capovolge  le luci per fare in modo che siano a fuoco dettagli secondari, che hanno però un’importanza”

Il suo sguardo Cotroneo lo offre in questo libro  che racconta, più che spiegare,  l’arte dello scrivere e l’insieme delle regole che lo costituiscono. Narra di sé, di esperienze personali significative per la scrittura dialoga con le altre arti e si sente anche in questo tipo di scrittura la forza della narrativa di cui è portatore. Un libro sulla scrittura che si legge come un romanzo, dotato alla fine di  un breve dizionario tecnico che lo arricchisce.

 
Share in top social networks!